Abitare in Italia

Ri-abitare le seconde case! In sicurezza, a costi dimezzati e senza speculazione!!!

Nell’imminenza del provvedimento organico del Governo sulle regole per le fasi di emergenza e ricostruzione in Centro Italia, è importante porre l’interrogativo “seconde case”.



Non si tratta di una questione secondaria perché il territorio colpito dal terremoto ha un numero molto alto di abitazioni
“non considerabili principali”, ma importanti per la preservazione di ambiente e territorio, e per
l’economia turistica locale. La scelta fatta in Abruzzo di finanziare in via prioritaria le case principali, lasciando
fuori gran parte delle seconde case, uffici ed attività commerciali, non si è rivelata un grande contributo
alla ricostruzione dell’Aquila e dintorni.
Perché non prendere allora in considerazione soluzioni non tradizionali, ma comunque tempestive, di recupero, auto recupero, autocostruzione per almeno parte degli edifici lesionati?
Perché non ricondurre la necessità della ristrutturazione della seconda casa ad un concetto di self help, o se
si vuole di riappropriazione dei processi del fare con modalità che rovescino i termini della tradizionale pratica
edificatoria?
Devi recuperare il tuo bene casa a diverso titolo essenziale? Ristrutturala con le tue mani!
Con il supporto di chi, in termini di progettazione, sicurezza, assistenza, tecnologia, materiali, valorizzerà il tuo apporto manuale per riabilitare la struttura lesionata a costi dimezzati, con la garanzia di una buona qualità architettonica, effettivamente antisismica e al di fuori di ogni speculazione.
Sarà per questo essenziale una ricognizione del bene rispetto ad indirizzi e prescrizioni della pianificazione
urbanistica ed alle caratteristiche del manufatto, ma sarà in particolare fondamentale la ricognizione della
volontà di un gruppo di proprietari
intenzionato a soddisfare insieme ad altri (magari in cooperativa e in
un lavoro di squadra), lo stesso stringente bisogno di ristrutturare il proprio alloggio, dedicando a questo impegno
collettivo ore di lavoro manuale nei giorni del fine settimana, con il supporto di professionisti e l’aiuto di un Organismo senza fini di lucro cui competa il “governo” dell’intero percorso.
Quanto ai finanziamenti, potrebbero tra l’altro rientrare (nella nuova programmazione europea 2014/2020) interventi di housing sociale che comprendono anche auto recupero ed autocostruzione nell’ambito dei Piani regionali.
Il risultato? Seconde case in sicurezza, a costi dimezzati e senza speculazione!!!


News

Terremoto e seconde case

- 12 settembre, 2016

E’ prevista per lunedì 19 settembre una riunione di staff per un primo approfondimento  della  ipotesi formulata  per un eventuale autorecupero delle seconde case lesionate dal terremoto in Centro Italia. La riunione si terrà a Todi, Località alle Barche a partire dalle 10,30.

leggi ancora...

Riapertura

- 9 settembre, 2016

Dal 29/08/2016 le sedi di Aliseicoop sono ritornate operative negli orari abituali. Per contatti info@aliseicoop.it –  segreteria@aliseicoop.it

leggi ancora...

Chiusura estiva

- 29 luglio, 2016

Si comunica che gli uffici delle sedi di Aliseicoop a Todi (in località Pian delle Barche) ed a Napoli (vicolo di San Nicola al Nilo), resteranno chiusi per ferie estive dall’8 al 29 agosto 2016. Per contatti urgenti: segreteria@aliseicoop.it e info@aliseicoop.it  

leggi ancora...

AUTOCOSTRUZIONE/AUTORECUPERO. Il passaggio a sistema

- 5 luglio, 2016

E’ fissato per venerdì 15 luglio alle ore 10,30 presso la sede di Aliseicoop a Pian delle Barche (Todi), un incontro con il seguente o.d.g.: autocostruzione/autorecupero approfondimento e valutazione di difficoltà e differenze; indicazioni per lo sviluppo della sperimentazione realizzata in Campania. Saranno presenti lo staff di Alisei ed i professionisti coinvolti.

leggi ancora...

Costruire “casa”. Germania paese di arrivo

- 8 giugno, 2016

E’ il titolo della esposizione al Padiglione tedesco della Biennale di Architettura di Venezia che vuole essere una risposta in positivo al bisogno urgente di alloggi per oltre il milione i rifugiati accolti in Germania nel 2015. L’esposizione racconta le città tedesche dove gli immigrati arrivano e decidono di cominciare una nuova vita. E’stata declinata nell’accezione architettonica portando a formulare le otto tesi di una tipica Arrival city tedesca: è una città nella città, è economica, è vicina al lavoro, è

leggi ancora...

Autorecupero del futuro Centro di Informazione “Lo Snodo”

- 9 maggio, 2016

Si informa che mercoledì 18 maggio alle ore 10 si terra presso la sede di Napoli un incontro di staff per la programmazione operativa dell’autorecupero del futuro Centro di Informazione “Lo Snodo” nel Parco del Vesuvio. Si invierà tempestivamente la documentazione completa del Progetto I-Park (di cui Lo Snodo è parte) affidato a Prodos dalla Fondazione Con il Sud.

leggi ancora...

Un esempio di livello europeo: il Villagio autocostruito a Sant’Enea a Perugia

- 24 febbraio, 2016

Si terra presso il complesso multietnico di 46 case autocostruite a Sant’Enea, l’incontro organizzato da Rai3 -Umbria il 26 febbraio, per valorizzare l’iniziativa della Regione Umbria (che aveva sostenuto la realizzazione della complessa iniziativa) come esempio per la soluzione dei problemi di emergenza abitativa. Parteciperà all’incontro Carla Barbarella in rappresentanza di Aliseicoop che ne era stata la convinta sostenitrice. Il video dell’incontro sarà visibile sul sito www.autocostruzione.net .

leggi ancora...

Incontro del gruppo di lavoro “progettazione”

- 1 febbraio, 2016

Febbraio 1-16 Si ricorda che lunedi 8 febbraio alle ore 10 presso la sede di Todi, si terrà l’incontro del gruppo di lavoro “progettazione” per la messa a punto dei progetti FAMI.

leggi ancora...
Page 1 of 712345»...Last »