Un sistema di welfare acquisito, ma aspettative deluse di inclusione

Queste le sostanziali conclusioni del Progetto Immigration&Integration che a fine giugno ha concluso le sue attività sulla condizione della popolazione immigrata nei paesi EU. Sei incontri internazionali, attività ed iniziative collaterali, hanno consentito di: approfondire la conoscenza dei processi di integrazione in atto in Olanda, Italia, Spagna,
Francia, Germania, nonché delle più recenti normative per l’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo, confrontarsi
sul funzionamento dei servizi di welfare offerti, scambiare esperienze di Buone Pratiche da tradurre in Modelli socialmente inclusivi e rispettosi delle diversità culturali.
E’ emerso con chiarezza dai lavori che i processi di integrazione attivati hanno per lo più privilegiato una
dimensione strutturale (sostanzialmente servizi di welfare) che non ha però consentito di sviluppare
adeguatamente spazi e canali di dialogo culturale e religioso in grado di contrastare l’insorgere di conflitti identitari
suscettibili di pregiudicare la coesione sociale.
Non si è dato insomma sufficiente peso alla componente religiosa, alla scuola ed alla formazione
delle giovani generazioni, al problema sostanziale di un loro idoneo inserimento nel mondo del lavoro.
Dal che la sollecitazione specifica a più diffusi interventi in questi ambiti che impegnino tutti, immigrati ed
autoctoni, in un progetto solidale, capace di tenere insieme diritti e responsabilità degli individui, diritti e
responsabilità delle comunità presenti sul territorio, di fatto di “includere” effettivamente gli individui che
vivono sullo stesso territorio.

Per ulteriori informazioni:
www.immigrationintegration.eu

News

CHIUSURA PER LE FESTIVITÀ

- 22 marzo, 2013

Si informano gli utenti del servizio di mediazione sociale all’abitare che entrambi gli sportelli di Largo Regina Coeli 8, a Napoli che di Pian di San Martino (Località le Barche) a Todi, resteranno chiusi venerdì 29 marzo e lunedì 1 aprile.

leggi ancora...

Rinviato l’incontro previsto per il 6 marzo

- 1 marzo, 2013

Per alcuni inderogabili impegni, si è costretti a rinviare  l’incontro con amici e collaboratori previsto per il 6 marzo presso i locali rinnovati della sede di Largo Regina Coeli,8 a Napoli. Si comunicherà appena possibile la nuova data.

leggi ancora...

Risistemazione della sede di Napoli

- 9 febbraio, 2013

Aliseicoop organizza per il 6 marzo alle ore 18.00 in Largo Regina Coeli 8 un incontro con amici, soci e collaboratori per festeggiare la risistemazione della sede e l’insediamento ufficiale presso di essa delle cooperative di autocostruzione “Il Sogno” e “Fabiana”.

leggi ancora...

Sportello di Mediazione Sociale all’Abitare di Napoli

- 6 febbraio, 2013

Si ricorda che lo Sportello di Mediazione Sociale all’Abitare di Napoli (Largo Regina Coeli 8) è aperto la mattina dalle ore 10.00 alle 13.00. Per informazioni telefonare allo 081.299944.

leggi ancora...

Sportello di Mediazione Sociale all’Abitare di Todi

- 25 gennaio, 2013

Dato il perdurare delle difficili condizioni di lavoro preso la sede di Pian di San Martino, si pregano gli utenti dello Sportello di telefonare allo 075.8987774 oppure al cell. 340.3501705 prima di recarvisi.

leggi ancora...

Riaperto l’ufficio di Aliseicoop in località “le Barche”

- 7 gennaio, 2013

E’ stato riaperto con gli stessi orari (dal lunedì al venerdì ore 9.30 – 18.00) l’ufficio di Aliseicoop in località “le Barche”. Le condizioni di lavoro non sono ottimali, dopo l’esondazione del Tevere, ma tutti i servizi sono ripristinati in forma accettabile. Per ogni evenienza: cell. 340.3501705.  

leggi ancora...

Aliseicoop, sede di Todi, inagibile per esondazione Tevere

- 29 ottobre, 2012

Si informa che la sede di Todi di Aliseicoop é al momento inagibile per la pesantissima esondazione del Tevere. Non appena sarà possibile informeremo della riapertura. – – – Per informazioni su quanto accaduto a Pian di San Martino, la località della nostra sede, leggi questo articolo (da cui è tratta la foto in home) >>>

leggi ancora...

Ancora una volta una omonimia rischia di pregiudicare “l’autocostruzione”

- 15 ottobre, 2012

Non è generalizzabile quanto si afferma nell’articolo di Ruben H. Oliva (Corriere della Sera-Le Inchieste),secondo cui “Il sogno della casa autocostruita diventa una beffa e una truffa”. Il doloroso caso della cooperativa di Filetto (noto da tempo) cui si fa riferimento,non può e non deve indurre a fare di ogni erba un fascio e non distinguere le esperienze negative da quelle,numerose,che al contrario sono state positive o vanno evolvendo positivamente. E’ il caso attualmente dei cantieri di Villaricca e Piedimonte

leggi ancora...
Page 10 of 11« First...«7891011»